Il Canto Moderno: Il Riscaldamento e la Memoria Muscolare

Tutto sul Canto

Il Canto Moderno: Il Riscaldamento e la Memoria Muscolare

Gennaio 5, 2019 Canto Moderno 0

 

I cantanti pop e rock hanno spesso paura dell’allenamento vocale perché pensano che per cantare il pop o il rock, non solo non sia necessario studiare anni come avviene per il Canto Lirico, ma alcuni temono addirittura di perdere la propria spontaneità facendolo! Desiderano sembrare grezzi, unici ed emozionare.

Eppure non c’è niente di emozionante nel vedere un musicista che strimpella a malapena una chitarra! Lo stesso vale per un cantante non allenato! Potrà essere bravo per il karaoke e vincerà anche la gara del paese ma se si vuole stare un un palco seriamente, occorre essere preparati!


Questo è l’obiettivo principale di ogni cantante – esprimere sentimenti attraverso il suono della voce. Avrai bisogno perciò di una vasta gamma di toni e colori e di un alto livello di abilità per farlo in modo efficace, che è ciò che solo l’allenamento vocale ti darà.

L’allenamento, lo studio non sono lì per limitarti o frenarti, servono la contrario per darti la libertà.

COSTRUIRE LA MEMORIA MUSCOLARE

Che tu sia su un palco o in studio, sarà la tua memoria muscolare a venirti in aiuto ed è così che potrai concentrarti solo sul lato emotivo della performance. E’ fondamentale conoscere il concetto di memoria muscolare che altro non è se non la memoria intrenseca nel nostro corpo che ci consente di ripetere un’azione nel tempo in modo automatico, come andare in bicicletta.

Il modo migliore per mantenere l’allenamento vocale e la memoria muscolare è fare un buon riscaldamento vocale che consiste nel ripetere alcuni esercizi vocali. Il riscaldamento serve come promemoria per il tuo corpo. Sveglia il corpo e gli dice cosa vuoi che faccia. Il riscaldamento rilascia anche la tensione e previene l’affaticamento.

È come per ogni atleta. Se sei un tennista, non hai intenzione di giocare a tennis senza prima scaldarti, e se sei un calciatore non hai intenzione di calciare la palla essendo fuori allenamento.
Avrai bisogno di fare una serie di esercizi per rafforzare specifici gruppi muscolari nonché per sviluppare le tue capacità. Quando andrai a cantare, quei gruppi muscolari della laringe e del torso e lo studio che avrai fatto saranno lì pronti per aiutarti.

Oltre alle scale per il riscaldamento, dovresti esercitarti con le tue canzoni e decidere prima come le canterai, frase dopo frase. Più ti alleni, più crei la memoria muscolare fino ad arrivare al punto in cui non devi preoccuparti di quella nota alta in arrivo. Quando sei sul palco vuoi sentirti sicuro che tutto sia già integrato ed interiorizzato nel tuo corpo.

NON FARTI STRANGOLARE DALLA TENSIONE DELLA GOLA

Il problema tecnico più comune che riscontro nei cantanti è la tensione della gola. La tensione della gola potrebbe verificarsi in molte aree e modi:
– Una lingua troppo tesa alla base
– Una posizione esagerata della mascella che limita il movimento della laringe
– La costrizione dei muscoli della deglutizione nella parte posteriore del collo

La tensione della gola è, a mio parere, la più grande causa di affaticamento vocale.
Alcuni cantanti pensano di dover usare tantissima forza e pressione a livello della gola per produrre i suoni, ma non c’è niente di più sbagliato.

Alcuni cantanti che sembrano avere una voce potente sono costretti spesso a cancellare i loro tour perché stanno utilizzando una tecnica sbagliata. Il caso più eclatante della modernità è Adele. Una voce estremamente potente utilizzata male che l’ha costretta più volte ad operarsi alle corde vocali e a cancellare tournée molto spesso dal 2011 al 2017. In Italia Alessandra Amoroso come lei stessa afferma nei suoi video è stata costretta ad operarsi a causa dei noduli sulle corde vocali. E’ importante che i ragazzi sappiano che avere i noduli alle corde vocali non è normale! Se si canta in modo corretto non si incorre in problemi di salute.

RICORDATI DI RESPIRARE

Un’altra area problematica per i cantanti è la respirazione. Un’enorme quantità di persone trattiene il respiro, e alcuni pompano più aria di quanto dovrebbero in modo da sprecare il fiato. La gestione del fiato è una delle primissime materie che si insegnano in un corso di canto e che l’allievo impara a dosare. Come controllare l’aria, la respirazione costo-diaframmatica e l’emissione sono una parte importante dell’allenamento vocale ed è qualcosa che ogni cantante serio deve imparare a fare.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *