Armonie Vocali: Non solo la Terza!

Tutto sul Canto

Armonie Vocali: Non solo la Terza!

Agosto 6, 2018 Cantare armonizzando 0
Un mito da sfatare è quello che basti sempre e solo la terza per far funzionare un’armonia! Seguire questo schema nota dopo nota senza tenere conto degli accordi, può metterci nei guai. Capita spesso che rimanendo attaccati alla terza di una melodia si incorra in una serie di intervalli che non suonano un granché bene. Per questo è fondamentale conoscere quali sono gli intervalli.
Lavorare sulle armonie
Facciamo un esempio: Se usiamo una progressione di accordi di Do maggiore che va a Fa maggiore e una melodia con Mi, Re, Do (dove Mi è la nota che sta sull’accordo di Do e Do è la nota che sta sull’accordo di Fa mentre Re è una nota di passaggio), provando ad armonizzare con una terza sopra avremo Sol, Fa, Mi dove Mi sull'accordo di Fa crea un intervallo di 7a maggiore che, fuori da questo contesto, è perfetto ma potrebbe non andar esattamente bene per noi.
Se al contrario l’armonia va su Sol, Fa e ancora Fa sentirete che suona meglio.
Cos'è il Controcanto?
E' una melodia sovrapposta o sottoposta a quella principale. Penso che lo studio delle armonie debba partire da i capisaldi della musica armonica ovvero i BEATLES. Ascoltate le armonie vocali nel White Album.
Ci sono numerosi tipi di arrangiamento per le armonie: non solo la terza appunto, ma anche pad vocali, pad vocali avanzati ritmici e contrappunto. Ho scritto di tutto questo in un articolo pubblicato su Arrangiamenti-Musicali.it

Per un approfondimento sull'arrangiamento delle Parti Vocali leggi l'articolo qui.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *